Route 66 answers by Joe Sonderman

Tempo di lettura: 4 minuti

 

Joe Sonderman è per me sopratutto un amico, una fonte di ispirazione per notizie storiche della Mother Road.
Probabilmente è il più importante storico della Route 66, ha scritto 11 libri su questa strada e porta avanti molte attività legate alla promozione della mitica US66.
Se siete interessati alle sue pubblicazioni, potete trovarle tutte qui.

In più occasioni ci siamo sentiti e confrontati, abbiamo anche fatto una bella chiacchierata durante i nostri festeggiamenti dei 95 anni della Route 66.

Sono stato molto felice di averlo intervistato e vorrei come prima cosa riportarvi una sua frase che mi ha particolarmente colpito:

“La vita è un viaggio che possiamo fare solo una volta.”

Joe ha un legame particolare con questa strada, abita a St. Louis e tra le sue innumerevoli attività vi segnalo il sito web dove raccoglie vecchie foto e cartoline di cui trovate il link a fine articolo. È una persona che ama gli esseri umani e la vita, quella da vivere intensamente ma al ritmo lento della Mother Road. I suoi libri sono ricchi di informazioni e raccontano la vera storia della strada e delle persone che vi hanno vissuto. Conosce ogni miglio della Mother Road.
Ringrazio Joe per aver contribuito alla stesura del mio nuovo libro di prossima pubblicazione, la seconda edizione di “Route 66 il Mito Americano”, ma lo invidio la sua vecchia auto con la quale percorre la Route 66…

Ecco qui le risposte di Joe Sonderman:

1. Cosa è per te la Route 66?

La Route 66 per me è un legame vivo con la storia. È la storia che puoi toccare.
È anche un promemoria che non importa quanto siano occupate le nostre vite, dobbiamo fermarci e renderci conto che la vita è preziosa… e breve.
Ci ricorda che tutto ciò per cui costruiamo e lavoriamo è solo temporaneo. Le cose sono diverse là fuori.
È anche una comunità lineare, dove persone di tutto il mondo che aderiscono a ogni sorta di credenze diverse e che altrimenti non potrebbero avere nulla in comune si uniscono grazie all’amore che hanno per questa vecchia strada.
La Route 66 è un’autostrada, sì. Ma non è marciapiede. È fatta di persone. Non posso dirti quanto sia più ricca la mia vita grazie alle persone che ho conosciuto su questa vecchia autostrada.

2. Se pensi a questa strada quale è la prima cosa che ti viene in mente?

La prima cosa che vedo sulla Route 66 sono le storie individuali. Ognuno di quei vecchi edifici, anche le rovine cadenti, racconta una storia.
Raccontano forse la storia di una famiglia che si guadagnava da vivere qui finché un giorno l’Interstate si è portata via tutto.
Raccontano le storie degli innumerevoli individui che si sono fermati qui, di quelli che sono venuti prima di me. Avevano probabilmente vite intense, preoccupazioni e sogni. Ora loro non ci sono più.
Chi guarda un rudere e vede solo spazzatura non capisce.

3. Hai un aneddoto curioso legato alla Route 66, una storia che vuoi condividere con noi?

La storia che meglio riassume per me è la prima volta che ho rallentato e prestato attenzione – prendendo intenzionalmente la US66.
Ho avuto una carriera molto stressante e pensavo di essere un uomo di successo. Un giorno, ho letteralmente lasciato il lavoro, sono salito in macchina e mi sono diretto a ovest perché lo stress era diventato insopportabile.
Ho guidato tutta la notte. La mattina dopo, il sole stava sorgendo sulla montagna di Tucumcari, alla radio è arrivata “A Thousand Miles from Nowhere” di Dwight Yoakum, e ho avuto questa improvvisa consapevolezza; il mio piccolo lavoro non significa nulla. La vita non riguarda solo il lavoro. È un viaggio e possiamo farlo solo una volta.

4. Quale è il tuo luogo preferito lungo la Route 66?

Il mio posto preferito è Devils Elbow, Missouri.
La vecchia strada si allontana molto dall’Interstate e attraversa questo massiccio taglio roccioso. Ma la vera sorpresa è dopo essere passati a un altro allineamento più vecchio; l’autostrada rimbomba attraverso un ruscello cristallino sotto imponenti scogliere su un vecchio ponte a travatura reticolare.
Era una scena molto tipica negli Ozarks durante la mia adolescenza.
Poi, c’è l’emporio che aveva mangiatoie per colibrì e un vecchio ufficio postale. Darei comunque un secondo posto a Oatman, in Arizona.

5. Se pensi a un film, a una canzone e a un libro legato alla Route 66, quale ti viene in mente?

È stato il libro di Michael Wallis Route 66: The Mother Road che mi ha ispirato a intraprendere il viaggio.
L’avevo preso qualche giorno prima che il mio lavoro impazzisse.
La Route 66 attraversa St. Louis, ma non ci avevo quasi mai pensato prima di prendere in mano quel libro.
Mi sono fermato a Devils Elbow e sono stato folgorato dalla Mother Road.

6. Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere un viaggio nella Route 66 da Chicago a Santa Monica?

Non proverei a percorrere l’intero Percorso in una volta. È semplicemente troppo. L’ho fatto solo in un’occasione.
Preferisco di gran lunga farlo a segmenti, non cercare di fare una lista di troppe cose o attenersi a un itinerario rigoroso. Lascia che l’esperienza si sviluppi da sola e pianifica l’imprevisto.
Perdersi può essere metà del divertimento. Non sai mai quando troverai un posto o incontrerai qualcuno che occuperà tutta la tua giornata e ti farà desiderare di avere ancora più tempo. Non provarlo senza la Route 66 EZ Guide di Jerry McClanahan.
Soprattutto, non lasciare che nessun altro ti dica cosa devi vedere o fare. Rallenta e goditi l’esperienza. Prenditi del tempo per esplorare le città. St. Louis, Chicago e L.A. Fanno parte della Route 66 tanto quanto le piccole città.

Qui sotto altre 3 foto di Joe Sonderman che ringrazio di cuore per aver aderito a questo progetto di promozione della Mother Road in Italia. Vi invito a visitare il suo sito web.

The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio a tutti voi, ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.