Route 66 answers by Rhys Martin

Tempo di lettura: 3 minuti

Rhys Martin, Presidente dell’Oklahoma Route 66 Association ci regala le sue risposte alle 6 domande sulla Mother Road, allegando 6 foto strepitose e significative del tratto di strada che attraversa il suo stato.

Rhys vive a Tulsa, durante la nostra chiacchierata mi ha confessato di essersi innamorato della Route 66 prima come fotografo. Il suo impegno per la strada è iniziato dopo aver partecipato all’evento di conservazione del ponte Gasconade nel 2015, da allora si è appassionato alla strada, al suo passato e al suo futuro.

Se volete conoscere tutti i segreti della Route 66 in questo magnifico stato, vi rimando ai molti articoli presenti innesto blog, al mio libro “Route 66 il Mito Americano” e sopratutto al sito web dell’Oklahoma Route 66 Association, davvero ricco di informazioni e curiosità.

In questa intervista mi è piaciuta sopratutto una frase nella quale riconosco totalmente la mia esperienza nella Route 66:

Incontra le persone che rendono speciale la strada. Fermati nelle trappole per turisti e mangia nei piccoli Diners.

 

 

Ecco qui le risposte di Rhys Martin:

1. Cosa è per te la Route 66?

È un cliché, ma per me la strada significa Libertà. Sia che tu voglia aprire un’attività in proprio, fare un viaggio o semplicemente incontrare persone fantastiche, la Route 66 può portarti lì.
Percorrere la strada end-to-end offre un po’ di tutto e offre una vista in una sezione trasversale diversificata dell’America.

2. Se pensi a questa strada quale è la prima cosa che ti viene in mente?

Longevità. La strada sta per compiere 100 anni e ha avuto molte vite in quel periodo.
Dal Dust Bowl all’America del dopoguerra, all’avvento dell’Interstate e all’attuale rivitalizzazione della strada: è una strada del passato, del presente e del futuro.

3. Hai un aneddoto curioso legato alla Route 66, una storia che vuoi condividere con noi?

Ho incontrato nel 2015 Laurel Kane dell’Afton Station. Sono andato lassù per il mio compleanno per vedere la sua stazione e ci siamo trovati subito d’accordo.
Nella nostra prima conversazione, ha menzionato che era stata ordinata per officiare un matrimonio proprio lì. All’epoca ero fidanzato e questo ha acceso qualcosa nella mia mente.
È così che, nell’ottobre di quell’anno, Laurel officiò il mio matrimonio sul palco del Cain’s Ballroom di Tulsa. Era un’anima così adorabile – è difficile credere che se ne sarebbe andata solo tre mesi dopo.
Mi manca. Ho ancora il suo biglietto da visita con “Ordained!” scarabocchiato sul retro da quel primo incontro.

4. Quale è il tuo luogo preferito lungo la Route 66?

Questa è una domanda molto difficile.
Ci sono punti lungo la strada che hanno un significato speciale per me. Non riesco a scegliere un preferito, ma posso dirti che il primo posto che mi ha davvero aperto gli occhi sulla storia della strada è stato il Coleman Theatre di Miami, Okla.

Era l’estate del 2013; Sono entrato in quel locale storico e la mia bocca è rimasta aperta. Che posto fantastico!
Mi sono chiesto come non ne avessi mai sentito parlare e ho deciso di esplorare di più la Route 66 dell’Oklahoma. Due anni dopo, l’avevo guidata per intero e avevo iniziato a essere più coinvolto.
Ora eccomi qui!

5. Se pensi a un film, a una canzone e a un libro legato alla Route 66, quale ti viene in mente?

La Route 66 è fortunata in quanto ha molti legami con la cultura pop.
Potrei nominare una dozzina di cose che mi vengono in mente, ma il film di Pixar’s Cars di solito viene fuori per primo.
Ho visto il film molto prima di essere coinvolto nella Route 66 e mi è piaciuto – solo più tardi sono tornato indietro e ho visto DAVVERO quanto è andato nel film dalla vita reale.
E continua a far conoscere ai giovani la storia della Route 66. È il dono che continua a dare.

6. Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere un viaggio nella Route 66 da Chicago a Santa Monica?

Chicago a Santa Monica sulla Route 66?
Prenditi il ​​tuo tempo!
Se vuoi fare la Route 66 end-to-end e farlo bene, avrai bisogno di diverse settimane. Prendi una sezione alla volta, se vuoi.
Incontra le persone che rendono speciale la strada. Fermati nelle trappole per turisti e mangia nei piccoli Diners.
“Route 66 is about the journey – not the destination”

Qui sotto altre 3 splendide foto inviate da di Rhys che ringrazio per aver aderito a questo progetto di promozione della Mother Road in Italia “6 questions, 6 answers about Route 66“, mi auguro di incontrarlo presto On the Road e fotografare insieme a lui gli angoli magici dell’Oklahoma.


The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. Nel 2021 è diventato USA AMBASSADOR, specialista of the United States of America, un riconoscimento prezioso di Visit USA Italia. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.