Cosa vedere a Las Vegas in un giorno

Tempo di lettura: 8 minuti

Credo che questa eccentrica e assurda città non abbia bisogno di presentazioni. È in assoluto la città più folle di tutti gli Stati Uniti d’America e la più amata dai giocatori d’azzardo e dai turisti che si recano spesso in Nevada solo per lei.

Come spostarsi in città

Lacciando l’auto parcheggiata in hotel, sperando che sia gratuito, a meno che non vogliate percorrere la strip per pavoneggiarvi sotto le luci di Vegas, il mezzo migliore per spostarsi lungo la strada principale è con la Las Vegas Monorail. Si tratta di un mezzo di trasporto comodo e gratuito. Si snoda in tutte le 4 miglia principali della strada con ben 7 fermate, percorre il lato est della strip. È sicuramente il modo migliore per spostarsi nelle attrazioni più famose e conosciute, collega il MGM Grand al SLS Las Vegas. Per spingersi fino a Fremont Street, è però necessario usare anche il bus Deuce da SLS Las Vegas o dalle sue altre fermate.

Esistono anche la Las Vegas Free Tram, si tratta di 3 linee di monorotaie che percorrono il lato ovest della strip, anche queste gratuite:

Il Mandalay Bay Tram con due tipi di treni; All Stops Tram (da sud a nord) che ferma a Excalibur – Luxor – Mandalay Bay, e l’Express Tram (da nord a sud) che ferma solo a Excalibur e Mandalay Bay, verificate gli orari nelle fermate.

Il The ARIA Express Tram le cui fermate sono: Bellagio, CityCenter e Park MGM Tram (utile per visitare ARIA, Bellagio, Vdara, The Cosmopolitan, Park MGM Las Vegas e Crystals).

E infine il The Mirage – Treasure Island Tram che collega i due omonimi hotel.

Ultima possibilità sono il bus Deuce e l’SDX, il primo è un double-decker color oro, mentre il secondo sembra un treno anche se non lo è, ma siamo a Las Vegas e tutto è fatto per stupire.
Sono tutti e due a pagamento, troverete le macchine automatiche alle fermate, oppure potete pagare in contanti quando salite, purché i soldi siano precisi.

L’auto usatele solo per raggiungere aree lontane dalla strip, il traffico la sera è infernale.

Le attrazioni da non perdere

Las Vegas Sign

È il punto esatto dove inizia la folle Las Vegas Strip. Impossibile non raggiungerlo per la foto ricordo.
Un viaggio in questa città senza l’immancabile foto davanti alla Welcome to Las Vegas Sign non avrebbe senso. Quindi parcheggiate e armatevi di pazienza perché i turisti non saranno pochi.

Las Vegas Strip e gli hotel

La sera l’imperdibile passeggiata per visitare gli hotel più folli, è un must per tutti i turisti. Ci sono molte attrazioni lungo la strip, le tappe immancabili sono queste, ovviamente non mancheranno neanche ristoranti e fast food dove cenare:

  • Mandalay Bay; atmosfera tropicale e un incredibile parco acquatico al suo interno, lo Share Reef Aquarium.
  • Luxor; l’albergo è famoso sopratutto per il fascio di luce che emana dalla punta della sua piramide dopo il tramonto, ma la cosa più bella è passeggiare al suo interno e nel parco adiacente la piramide con ricostruzioni dell’antico Egitto.
  • Paris Las Vegas; la torre Eiffel, il Louvre, l’Arco di Trionfo, il quartiere di Montmartre, sono le ricostruzioni incredibili di questa piccola Parigi del Nevada.
    Il gioco di luci offerto dalla torre Eiffel, si tiene ogni 30 minuti dal tramonto fino a mezzanotte allo scoccare dell’ora. Pagando un biglietto potrete anche salire sulla Torre Eiffel e osservare Las Vegas dall’alto.
  • Caesars Palace; visitatelo per tornare ai fasti dell’antica Roma, con statue, fontane e colonne in marmo, nonché un cielo dipinto nel soffitto che cambia colore come in trascorrere del giorno. Il free show del Caesars Palace è imperdibile; le statue si trovano in cima a una delle vasche dei pesci più famose della città e offrono uno spettacolo animato davvero notevole.
  • The Venetian; l’albergo ispirato a Venezia è uno dei più belli di tutta Las Vegas. Troverete una ricostruzione di Piazza San Marco e del ponte di Rialto, con tanto di gondolieri, canti italiani discutibili, statue viventi, personaggi di strada e negozi di lusso. Potete anche fare un giro in gondola.
  • Circus Circus; gli amanti dei Luna Park troveranno dentro a questo albergo una ricostruzione fedele di un parco divertimenti che si chiama Adventuredome e che include giostre, attrazioni per famiglie e montagne russe.
  • Bellagio; le sue fontane sono probabilmente l’attrazione più famosa di Las Vegas, impossibile non fermarsi per ammirarle, normalmente gli spettacoli iniziano ogni 30 minuti. Questo hotel ha al suo interno uno stupendo giardino botanico, ogni volta che sono stato a Las Vegas l’ho trovato diverso e sempre più bello.
  • Mirage; lo spettacolo di fuoco è servito. Il tema dell’hotel è la Polinesia, che include non solo 1200 palme ma la riproduzione di un vulcano alto più di 16 metri che tutte le sere alle 20 e alle 23 erutta per la gioia dei turisti. Questo è stato il primo show di Las Vegas ed è ancora oggi uno dei più spettacolari.
  • Wynn; il Lake of Dream Show è uno dei più recenti e per vederlo, dovete entrate nell’hotel. Lo spettacolo è gratuito e offre uno show di luci, suoni e coreografie proiettate su un lago gigantesco e su una cascata di ben 27 metri.
  • Miracle Mile Shops; se vi è preso caldo e sognate un temporale nel mezzo del deserto, entrate qui e godetevi  la pioggia in uno dei luoghi più aridi degli Stati Uniti d’America.
  • Silverton; se sognate da sempre di incontrare una sirena, non dovete fare altro che entrare qui.
    Il Silverton Aquarium, permettere di assistere in diretta a discutibili pasti degli squali, osservare pesci tropicali e ammirare delle vere e proprie sirene!
  • A circa metà della Strip, si trova il City Center; un’area modernissima con alberghi come l’Aria, l’Harmon e il Mandarin Oriental, un grande centro commerciale e due particolari torri gemelle inclinate dal nome Veer Towers contenenti condomini di lusso.
  • Hight Roller; la ruota panoramica più alta del mondo si trova a Las Vegas, dalla sua altezza di 167 metri si gode un panorama davvero spettacolare.

Fremont Street

Fremont Street è il cuore pulsante della Downtown e la seconda strada più famosa di Las Vegas dopo la Strip ovviamente. Ma alcuni non la conoscono neanche.
Questa strada risale al 1905, esattamente quando venne fondata Las Vegas e fu la prima strada della città ad essere asfaltata.

Las Vegas fu la prima città del Nevada a essere servita dall’elettricità prodotta dalla Hoover Dam e Fremont Street ne sfruttò fin da subito i benefici. Ancora oggi viene chiamata Glitter Gulch, in memoria di quella volta in cui nel 1937 fu letteralmente invasa dalle luci.

Le principali attrazioni sono ancora una volta i casinò: i primi di Las Vegas e quelli ricchi di storia. Basti pensare che il Golden Gate Hotel Casino, il primo casinò della città, si trova ancora qui.

Le tappe immancabili sono:

  • Main Street Station Hotel & Casino, hotel a tema ferroviario con anche una parte del muro di Berlino nel bagno degli uomini.
  • Viva Vision, la strada principale con la volta illuminata da migliaia di led, parte integrante del Fremont Street Experience.
  • Golden Gate Casino Hotel, il più antico della città.
  • Cowboy Vic, l’insegna più famosa del Nevada e non solo.
  • Vickie, la moglie di Cowboy Vic.
  • Golden Nuggets Casino, il casinò che custodisce la pepita d’oro più grande del mondo, anche se in realtà è solo una copia. Quella vera fu prestata al Golden Nuggets Hotel di Biloxi, Mississippi, e non è mai tornata a Vegas. Qui troverete esposta una copia.
  • Binion’s Gambling Hall, palcoscenico fino al 2004 del World Series of Poker, uno dei tornei di poker più famosi al mondo. Ancora oggi meta degli appassionati di poker.
  • Slotzilla: la Zipline di Las Vegas; permette di spiccare il volo dalla slot machine più grande del mondo e di sfrecciare in aria a oltre 20 mt d’altezza, sotto alle luci di Fremont Street Experience.
  • Se avete fame non perdetevi Heart Attack Grill; di cosa si tratta?
    Della clinica di ingrassamento per magri. Nata nel 2005, porta avanti una lotta contro l’anoressia. Discutibile sinceramente, anche perché al posto delle cameriere ci sono le infermiere, invece dei cuochi i medici, invece del tovagliolo al collo un camice. È obbligatorio mangiare un panino composto da 1 a 8 hamburger con fette di bacon (da 5 a 40) e patatine fritte nell’olio e nello strutto.

I musei, atipici e folli di Vegas

Las Vegas è una città folle e spesso lo sono anche i suoi musei, di sicuro sono particolari e curiosi.

Il primo che voglio consigliarvi è il The Neon Museum, dove riposano le insegne luminose degli storici casinò non più esistenti. Uno su tutti lo Stardust. Troverete in questo museo circa 200 insegne vintage al neon, per me è dannatamente affascinante.

Il Bellagio Gallery of Fine Art è uno dei pochi musei classici. Ospita opere provenienti dai musei di tutto il paese. Picasso, Warhol e Lichtenstein sono solo alcuni degli artisti qui esposti.

Se vi piacciono i flipper, non perdetevi il Pinball Hall of Fame, vera e propria mecca per gli appassionati delle sale giochi anni ’80. Ne troverete ben 200 in esposizione.

Madame Tussauds Las Vegas, credo non abbia bisogno di presentazioni, anche se qui a Vegas vanta il primato di essere stato il primo su suolo americano. Si trova all’interno del The Venetian.

Lo Zak Bagans’ The Haunted Museum, è probabilmente il museo più angosciante che possiate visitare. Una raccolta di stranezze esposte in una casa semi nascosta e inquietante, una villa in stile Tudor risalente al 1938.

Se volete rivivere i fasti della mafia degli anni dal ’30 al ’50, il The Mob Museum fa al caso vostro. In ogni piano di questo ex ufficio postale e tribunale, troverete esposti cimeli e ricostruzioni di un diverso periodo della storia criminale.

Infine vi suggerisco il Burlesque Hall of Fame, siamo nella città del peccato e parlare di piacere non è certo un tabù. Soltanto qui potevano allestire un museo di questo tipo.

I dintorni di Las Vegas da visitare durante il giorno

La città si trova in un’area interessante anche dal punto di vista paesaggistico. Tra le possibilità offerte per passare una giornata fuori da Las Vegas di sicuro interesse sono le escursioni verso il Grand Canyon, sia in bus che in elicottero. Il parco più famoso degli USA merita assolutamente una visita.

Non dimentichiamoci che siamo nella città più folle degli Stati Uniti d’America e le possibilità per divertirsi sono davvero infinite, alcune ve le propongo qui sotto.
Se volete sposarvi, oppure sparare nel deserto, guidare un 4WD o un escavatore, qui a Vegas c’è quello che fa per voi.

Se invece avete un’auto a noleggio, oppure volete prenderne una, vi consiglio la visita del Red Rock Canyon National Conservation Area, oppure del Valley of Fire State Park o della mastodontica Hoover Dam. Se invece vi piacciono le Ghost Town spostatevi a Nelson Ghost Town oppure a Goodsprings.
Per i parchi sopra citati, informatevi a questa pagina per le eventuali prenotazioni da fare per la visita.



Mangiare vegan in città

Niente di più semplice; come New York City e molte altre città americane, anche Las Vegas offre infinite possibilità per mangiare vegan. Molte di queste potete trovarle nella nostra App Vegani in Viaggio scaricabile gratuitamente qui sotto.

The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. Nel 2021 è diventato USA AMBASSADOR, specialista of the United States of America, un riconoscimento prezioso di Visit USA Italia. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.