Vacanza vegan, come organizzarla?

Organizzare una vacanza è sempre molto emozionante, di solito lo si fa con grande passione, ma per chi come me è vagano, nasce anche il problema di dove mangiare, cosa poter scegliere al supermercato, dove pernottare, e così via.
Voglio quindi darvi qualche semplice indicazione ed alcune risorse utili per organizzare al meglio il vostro viaggio.
Innanzitutto cercate di organizzarvi per tempo, è una regola sempre valida anche se siete onnivori, così potrete risparmiare ed avere maggiori opzioni di scelta per gli alloggi, contattate poi gli Hotel o gli Agriturismi che avete scelto, per sapere se possono accontentare le vostre scelte alimentari, così da evitare spiacevoli inconvenienti.

In molti paesi poi la cucina vegetariana e vegana è una consuetudine, mi vengono in mente i paesi mediorientali e l’India, senza dimenticare che una gran parte della cucina italiana si adatta senza problemi con contorni e primi piatti.

Attualmente, per fortuna, esistono diverse risorse online per aiutarvi a trovare strutture ed informazioni per viaggiatori vegani, molte delle guide turistiche attualmente in commercio, offrono informazioni su locali adatti anche a vegani, ma forse la cosa più semplice è affidarsi a servizi appositamente pensati, ve ne elenco quindi qualcuno, testato direttamente da me, nella pianificazione dei miei viaggi:

  • Viaggia Vegan, è la prima guida turistica italiana pensata e realizzata per le esigenze dei vegani, la trovate in vendita anche su amazon a pochi euro, però a mio avviso necessita di un aggiornamento perché alcune strutture menzionate non esistono più e sicuramente altre hanno aperto nel frattempo, quindi dovrete fare delle verifiche prima di partire, al limite controllate il sito web food vibration dal quale nasce l’idea della guida.
  • VeganMaps, splendida app molto funzionale e costantemente aggiornata, direi un ottima risorsa, gratuita, sempre a portata di mano, disponibile per iOS e Android
  • HappyCow.net, utile per chi viaggia sia in Italia che all’estero, consigliata anche dalla Peta, io l’ho scoperta proprio dal loro sito web, si tratta di un motore di ricerca estremamente aggiornato con locali e risorse vegan da tutto il mondo, esiste in versione web, iOS ed Android, attenzione però, le versioni mobile sono a pagamento.
  • Veganagogo, è un’altra app disponibile per iOS, simile a HappyCow, anche questa a pagamento, esiste anche la versione per vegetariani che si chiama Veggoagogo.
  • Peta, in assoluto un must per vegani, l’associazione ha un sito web ricco di risorse utilissime sopratutto per chi viaggia spesso in USA, troverete infatti indicazioni utili su cosa scegliere nei vari ristornati delle catene americane e cosa acquistare al supermercato senza dover leggere tutte le etichette dei prodotti.

Se invece acquistate un pacchetto di viaggio completo in agenzia, ovviamente fate presente che siete vegani o vegetariani, anche in questo caso, eviterete spiacevoli inconvenienti, specificatelo anche in fase di prenotazione del volo, e confermatelo al momento del checkin.
A proposito di pacchetti organizzati, esiste una agenzia che negli anni si è specializzata in viaggi per vegani e vegetariani, probabilmente vi potranno proporre soluzioni affidabili e consolidate, tipidatour.

5 thoughts on “Vacanza vegan, come organizzarla?

  1. Se siete alla ricerca di un viaggio vegan-friendly e non sapete da che parte cominciare, consultate “Viaggia Vegan”, la prima guida per viaggiatori vegani.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.