Route 66 il mito Americano su Facebook

Il libro, ha una pagina Facebook dedicata, piena di consigli di viaggio, foto, novità e curiosità sulla Route 66.
Potete accedere alla pagina Facebook cliccando qui, oppure leggere gli ultimi post qui sotto, Buon Viaggio!

Foto dal post di Route 66 il mito Americano

Il 17 luglio del 1936, Jim e Frances Bono, proprietari di una vigna in California, aprirono uno stand per la vendita di succo d’arancia su Foothill Blvd a Fontana, in California. Successivamente, nel 1943 aprirono un ristorante italiano chiamato “Bono” che divenne in poco tempo uno dei più famosi della Route 66. Lo stand originale a forma di arancia andò perso, ma il proprietario Joe Bono ne salvò uno tra i tanti aperti negli anni successivi e lo portò agli inizi del 1990 nella location originale del primo chiosco. Il ristorante fu chiuso nel 2006 ma è stato riaperto nel 2018.

20 mi piace, 3 commenti15 ore fa

Il 16 luglio del 1935, veniva installato il primo parchimetro della storia in un parcheggio all’angolo tra First Street e Robinson Avenue a Oklahoma City, fu il primo sistema al mondo per il pagamento del parcheggio. Carl C. Magee, editore dell’Oklahoma News, progettò il Park-O-Meter n. 1, costava cinque centesimi per un’ora di parcheggio, il pubblico in realtà fu indignato da questo sistema, anche se secondo i commercianti della zona, favoriva un rapido turnaround dei clienti. Il successo che ha avuto negli anni questo sistema lo conosciamo tutti.

10 mi piace, 1 commenti1 giorno fa

Il 15 luglio del 1875, iniziò la vendita dei primi lotti in “The New City by the Sea”, a Santa Monica, in California. Il colonnello Robert S. Baker e il senatore del Nevada John P. Jones si occuparono dell’allestimento della città che si affacciava sull’oceano ed era delimitata a nordovest da Montana Avenue, a sud-est da Colorado Avenue e a nord-est dalla 26th Street. Le avenues avevano tutti il nome degli stati occidentali, le strade invece erano semplicemente numerate. Baker e Jones costruirono una ferrovia per Los Angeles e un molo lungo 4.700 piedi sperando che diventasse il primo porto di Los Angeles, ma le loro aspettative rimasero deluse anche se questo ha aiutato Santa Monica a mantenere il suo fascino.

16 mi piace, 1 commenti2 giorni fa

Il 15 luglio del 1922, veniva inaugurato il Natatorium conosciuto come “The Nat” sulla West Sixth Avenue ad Amarillo. In origine si trattava di una piscina all’aperto, la struttura intorno venne aggiunta nel 1923, ma fu nel 1926 che cambiò totalmente diventando una sala da ballo (aggiungendo semplicemente un pavimento di legno sopra la piscina). Elvis Presley e Buddy Holly lo resero famoso negli anni ’60 quando iniziarono ad esibirsi qui richiamando folle oceaniche da tutto lo stato. Adesso è sede della Nat Gallery e Collectibles, la biblioteca del congresso.

25 mi piace, 1 commenti2 giorni fa

L’11 luglio del 1896, nasceva Dotch Garland Windsor nella contea di Hale, in Texas. Dotch e sua moglie Alberta aprirono l’isolato Painted Desert Trading Post vicino a Navajo, Arizona, nel 1942; non c’era il telefono, le pompe di benzina venivano alimentate per gravità e l’elettricità era fornita da un mulino a vento. Dotch e Alberta divorziarono nel 1950, lui si risposò con Joy Nevin, ma il Painted Desert Trading Post fu chiuso e lasciato in stato di abbandono nel 1956. Un gruppo di appassionati amanti della Route 66, ha intrapreso un lavoro di restauro che va avanti da circa un anno, grazie ad alcuni volontari e donazioni, stanno restaurando questo storico luogo dimenticato dal 1956!

33 mi piace, 1 commenti6 giorni fa

Il 10 luglio del 1942, Jack Newsum posizionò un cartello lungo la Route 66 con scritto “Meteor City Population 1”. Jack possedeva la stazione di servizio e il trading post, in pratica era l’unico abitante di Meteor City. Cambiò la scritta con “Meteor City Population 2” quando si sposò nel 1946. Sua moglie, Goldie, rimosse il cartello dopo la morte di Jack per paura che alcuni malintenzionati sapessero che viveva da sola.

55 mi piace, 3 commenti1 settimana fa

Consigli utili per un viaggio lungo la Route 66 - Vegani in Viaggio

Siete in cerca di consigli utili per visitare la Route 66? Bene, oltre al libro, ecco qui un post molto interessante…

31 mi piace, 1 commenti1 settimana fa

È con profonda tristezza che dobbiamo comunicare la morte di Elmer Long. Ci ha lasciati lo scorso 22 giugno all’età di 72 anni dopo una breve lotta contro un cancro ai polmoni. Se ne va un simbolo della Route 66, una di quelle persone che con la sua arte ha reso famosa la Mother Road in tutto il mondo. Verremo a renderti omaggio, ogni volta che passeremo difronte al tuo Bottle Tree Ranch. Riposa in pace Elmer

57 mi piace, 3 commenti1 settimana fa

Foto dal post di Route 66 il mito Americano

Sto pensando di pianificare un viaggio lungo la Route 66 a Settembre 2019; voglio fare nuove foto, nuovi video, incontrare nuove persone, abbracciare “vecchi” amici, ascoltare musica Rockabilly dalla radio della mia auto, scrivere e raccontare. SE SIETE INTERESSATI A FARNE PARTE, SCRIVETEMI IN PRIVATO E SE RAGGIUNGIAMO UN NUMERO ADEGUATO NOLEGGEREMO UN MINIVAN e vivremo insieme un’avventura unica lungo la Mother Road! 15/18 giorni dormendo nei Motel e mangiando nei Diner, partendo da Chicago e arrivando fino a Santa Monica, con un paio di deviazioni per visitare Sedona e il Grand Canyon. Indicativamente il costo potrebbe aggirarsi intorno ai 2.400/2.800 (voli, pernottamenti, noleggio auto) ma è da confermare nel momento in cui c’è vero interesse a partecipare e avrò deciso le date. Ovviamente questa proposta non è in alcun modo vincolante, è al momento in fase di sviluppo.

63 mi piace, 9 commenti1 settimana fa

Il 5 luglio del 1935, apriva nell’attuale sede, l’Ariston Café a Litchfield, Illinois. Nel 1924, Pete Adam, un immigrato greco, aprì l’originale Ariston Caffè a Carlinville. Il nome deriva dal greco “aristos”, “il migliore”. Pete e il suo compagno Tom Cokinos trasferirono l’Ariston nel 1929 quando la Route 66 fu deviata verso Litchfield. Successivamente venne aggiunta una nuova insegna nella parte posteriore quando la Route 66 a quattro corsie fu aperta dietro al ristorante. A partire dal 1966, il figlio di Pete, Nick e la moglie di Nick, Demi, furono il volto dell’Arsiton fino 30 giugno 2018. Kara Steffens ora possiede il ristorante con suo marito, Marty e Will Law.

22 mi piace, 1 commenti1 settimana fa

Il 4 luglio del 1876 un gruppo di immigrati, piantarono una bandiera americana su un ramo tagliato da un pino per festeggiare il centenario degli Stati Uniti d’America. Nello stesso esatto luogo, nel 1880, fu costruita una stazione ferroviaria dal nome Flag Staff (letteralmente “bastone della bandiera”), l’anno successivo il nome divenne Flagstaff dando così vita ad una delle cittadine più famose di tutta la Route 66. Happy Independence Day!

60 mi piace, 3 commenti1 settimana fa

Il 3 luglio del 1926, il colonnello onorario Arthur T. Nelson apriva la sua bellissima stazione Texaco all’intersezione tra la Route 66 e la MO 5 a Lebanon. All’inizio affittava ai viaggiatori delle tende per passare la notte, ma dopo costruì la Top O ‘the Ozarks Inn, con otto cabine che prendevano il nome da ciascuno degli stati della Route 66. Aprì successivamente la sontuosa Nelson Tavern nel 1930 e poi nel 1933 il Nelson Dream Village, con la sua fontana musicale. Il complesso divenne noto come Nelsonville, ma fu abbattuto nel 1958.

10 mi piace, 0 commenti2 settimane fa

Il 2 luglio del 1963, Cyrus Avery morì in California all’età di 91 anni. “Il padre della Route 66” rimase attivo negli affari e nella vita pubblica dopo che la sua autostrada divenne leggendaria. Ha allevato bestiame al suo Lucky Ranch, ha tentato senza successo di diventare governatore nel 1934 e nel 1935-36 è stato amministratore della sezione di Tulsa della Works Progress Administration. Ha lavorato brevemente per la città di Tulsa nel 1948 e come venditore per la Lock Joint Pipe Company dal 1950 al 1958 quando è andato in pensione. Ma per tutti resta l’ideatore e il padre della Route 66!

34 mi piace, 1 commenti2 settimane fa

Il 2 luglio del 1982, George e Kris Hansford aprirono il Trainwreck Saloon su Manchester Road nella periferia di Rock Hill, nel Missouri. Si tratta della più antica taverna a gestione continua nella Contea di St. Louis. In origine fu il Mentor Bar (o Nine Mile House) aperto nel 1890, divenne poi la Porta’s Tavern e adesso è appunto il Trainwreck Saloon. Grande attenzione è stata posta nel mantenere l’edificio autentico e restaurarlo seguendone il look che aveva nel periodo del suo massimo splendore.

26 mi piace, 3 commenti2 settimane fa

Il 1 luglio del 1959, veniva aperto il nuovo stabilimento Chrysler sulla Highway 66 a Fenton, nel Missouri. I primi modelli prodotti furono la Plymouths, la Dodge Darts e il modello Valiant compatto di Chrysler. A quel tempo St. Louis era la seconda città degli Stati Uniti d’America come più grande produttore di automobili, lo stabilimento è stato chiuso nel luglio 2009 e demolito nel 2011.

25 mi piace, 1 commenti2 settimane fa

Il 30 giugno del 1919, veniva completato il Campidoglio dello stato dell’Oklahoma. Il progetto originale prevedeva una cupola, che però è stata completata solo nel 2002. Una particolarità deriva dal fatto che è l’unico Campidoglio con pozzi petroliferi funzionanti al suo esterno. La Route 66 originariamente scendeva lungo Lincoln Avenue, intersecava la 23rd Street e svoltava a ovest direttamente davanti al Campidoglio, mentre adesso corre intorno all’edificio.

11 mi piace, 3 commenti2 settimane fa

Oggi è un triste compleanno, infatti il 27 giugno del 1985, veniva ufficialmente dismessa la Historic 66. Per fortuna, la Mother Road è viva e vegeta e porta ancora molti turisti in giro per l’America.

81 mi piace, 3 commenti2 settimane fa

Il 26 giugno del 1969, veniva presentato in anteprima il film “Easy Rider”. Durante i titoli di apertura, i personaggi Billy e Wyatt (Dennis Hopper e Jack Nicholson) attraversavano, a cavallo delle loro moto, il fiume Colorado a Topock, in Arizona. Il motel dove il proprietario ha rapidamente acceso il cartello “no vacancy” è in realtà il Pine Breeze Inn di Bellemont, in Arizona. L’edificio è ancora lì, anche se abbandonato da anni.

36 mi piace, 1 commenti3 settimane fa

Il 25 giugno del 1996, A Springfield, nell’Illinois, veniva demolito l’originale Cozy Dog Drive per lasciare spazio a un Walgreen. Un nuovo locale più accogliente era già stato costruito a pochi metri di distanza. Edwin Waldmire presentò il Cozy Dog alla Illinois State Fair del 1946 e aprì il Drive originale quattro anni dopo.

29 mi piace, 3 commenti3 settimane fa

I am Rt 66

Sono estremamente orgoglioso ed onorato di far parte di questo progetto, di far parte della Route 66, di far parte della splendida famiglia di persone legate a questa magica strada. Un ringraziamento particolare a Jim Livingston per avermi dato l’opportunità di prenderne parte!

14 mi piace, 2 commenti3 settimane fa

Il 21 giugno del 1946, Max e Amelia Ortega aprirono l’Indian Trails Trading Post a Lupton, in Arizona. Il loro figlio, Armand Ortega, divenne uno dei più importanti mercanti di gioielli indiani d’America e salvò l’Hotel El Rancho a Gallup, nel New Mexico. Quasi tutto l’Indian Trails Trading Post fu demolito per fare posto alla strada di servizio della I-40 nel 1965.

31 mi piace, 3 commenti3 settimane fa

Il 21 giugno del 1974, veniva installata l’ultima Cadillac nel sito originale del Cadillac Ranch. L’opera fu creata da un trio di artisti noti come Ant Farm Collective per l’eccentrico miliardario Stanley Marsh 3.

39 mi piace, 2 commenti3 settimane fa

Il 20 giugno del 1980, è stato presentato in anteprima a Joliet il film “The Blues Brothers”. La sequenza di apertura del film è stata girata nel Centro di correzione Old Joliet, costruito nel 1858 e chiuso nel 2002. Il carcere è stato aperto ai turisti per la prima volta nel 2019, senza che fosse stato restaurato. I viaggiatori oggi possono vedere Jake ed Elwood al Joliet Area Historical Museum e in cima al chiosco di gelato Ricco e Cremoso.

70 mi piace, 3 commenti3 settimane fa

Il Il 19 giugno del 1973, al Museum Club di Flagstaff, la moglie del proprietario Don Scott, Thorna, cadde giù per le scale che portavano all’appartamento al piano di sopra e si spezzò il collo. Quasi due anni dopo, Don Scott, ancora sconvolto, chiuse il locale dopo una giornata di lavoro, si sedette su una sedia a dondolo e si sparò in testa con una pistola calibro 22. Alcuni credono che il loro spirito infesti ancora il posto, se capitate li fateci sapere se incontrate Thorna e Don Scott.

21 mi piace, 1 commenti4 settimane fa

Il 18 giugno del 1967, chiudeva il Manchester Drive In a Des Peres, in Missouri, fu il primo drive-in costruito nell’area di St. Louis. Inaugurato nel 1940, il teatro fu completamente demolito per la costruzione del West County Center.

6 mi piace, 1 commenti4 settimane fa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*
*
Website

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.