Halloween a New York “trick or treat”

Tempo di lettura: 3 minuti

Visitare gli Usa nel periodo di Halloween è di per se un’esperienza da fare almeno una volta nella vita, qui la festa è molto sentita e non c’è bambino che non trascorra la notte del 31 Ottobre senza dire almeno una decina di volte “trick or treat”.
Se vi trovate a New York, vi renderete subito conto che la festa trasforma letteralmente la città, ogni quartiere ed ogni casa si vestono a festa ed in giro per la città incontrerete moltissime persone travestite, per poi arrivare al culmine dei festeggiamenti che si svolgono lungo la Sixth Avenue tra Spring Street e la 16th Street, per la famosa parata di Halloween, inoltre nei pressi di Webster Hall, dopo la parata, troverete il meeting dei costumi più terrificanti, imperdibile!

Molti negozi aprono e chiudono in pochi giorni, solo per vendere oggetti relativi ad Halloween, una cosa davvero curiosa, che ho visto solo qui in USA, inoltre in questo periodo troverete già una New York parzialmente addobbata per Natale ed un Central Park autunnale davvero affascinante.

Trascorrere halloween a Manhattan vuol dire essere proiettati in una realtà completamente diversa da quella normalmente vissuta a New York, infatti in pochi giorni la città si trasforma, entrando in una realtà fatta di orrore, musica e colori, un’esperienza, che ripeto, andrebbe fatta almeno una volta nella vita.
In tutta la città potrete trovare feste ed eventi a tema, è impossibile descriverli tutti, quindi il consiglio è quello di informarsi consultando il sito ufficiale.

I festeggiamenti iniziano qualche giorno prima con la Pumpkin Flotilla Launch a Central Park, si tratta di una sfilata di zucche galleggianti che ogni anno la Central Park Conservacy organizza nell’Harlem Meer, il lago nella zona nord del parco. In pratica si tratta di un rituale magico molto conosciuto a Manhattan, dove partecipano un sacco di newyorkesi vestiti a tema, in realtà può partecipare chiunque, basta portare la propria zucca intagliata nell’area dedicata un oretta prima dell’inizio dell’evento, al crepuscolo verrà accesa e posizionata sul laghetto, per informazioni consultate il sito web dedicato.

Se siete “pigri” e volete affidarvi a dei tour organizzati, ne trovate molti nei siti web dedicati, io normalmente non mi affido mai a situazioni preconfezionate, preferisco passeggiare nella città per ammirare in tutta autonomia i luoghi più caratteristici per vivere al meglio la magia di questa festa, a tal proposito, un luogo sicuramente caratteristico da visitare in questo periodo, è la Merchant’s House (29 East Fourth Street), questa casa adibita ormai a museo, è facilmente visitabile, e magari, incontrerete il vero fantasma di Gertrude che abita ancora questa casa!

Il consiglio che vi do è comunque quello di munirvi di scarpe comode e girare a piedi i luoghi più caratteristici di Manhattan, così da ammirare innumerevoli case addobbate a tema ed incontrare in giro personaggi bizzarri che si presteranno senza problemi a scattare foto insieme a voi, e perché no, a spaventarvi a dovere.
Vi consiglio di iniziare con una bella passeggiata nell’Upper East Side nei pressi di Central Park, dove case lussuose addobbate a dovere, vi introdurranno subito nel mood terrificante di Halloween, proseguite poi la vostra giornata a Cobble Hill, dove case addobbate al limite del possibile, vi accoglieranno insieme ad una miriade di bambini pronti a fare festa, non perdetevi la Cobble Hill Halloween Parade verso le 16:00, il quartiere di case rosse molto famoso che si trova tra Clinton St. e Congress St., dove, nel pomeriggio, innumerevoli bambini vestiti a festa, insieme ad adulti scalmanati, vi accoglieranno nel loro quartiere abilmente addobbato a tema.
Ricordatevi comunque che ogni quartiere sarà addobbato a festa, quindi ricordatevi di visitare il Village, Soho, il Lower East Side, ma anche i bureau fuori Manhattan, come Astoria, Brooklyn ed Harlem, insomma vi servirà una giornata di 100 ore per poter vedere tutto, per cui partite presto la mattina del 31 Ottobre, perché ogni zona di New York merita una visita, per quanto riguarda le possibilità di soggiorno, ovviamente New York offre di tutto, dagli alberghi di lusso agli ostelli, per farvi un’idea vi consiglio Booking.com, normalmente molto efficace per trovare un’ottima offerta per New York City.

Dolcetto o Scherzetto?

The following two tabs change content below.
Roberto Rossi
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio a tutti voi, ovunque la vita vi porti!"
Roberto Rossi

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.