Route 66 stories: 14/04/1935

Tempo di lettura: < 1 minuto

Il 14 aprile del 1935, una massiccia tempesta di sabbia durante la “Black Sunday” devastò un’ampia area delle Grandi Pianure, ma in particolare l’Oklahoma e il Texas Panhandles.

Le famose Dust Bowl ispirarono John Steinbeck nella scrittura del suo più famoso libro “Furore” che venne pubblicato lo stesso giorno nel 1939 con il nome americano di “The Grapes of Wrath“.

I venti ululavano a 60 mph e il giorno si trasformò in notte. Robert Geiger, un giornalista dell’Associated Press coniò per l’occasione la frase “Dust Bowl” dopo aver assistito alla tempesta.
Stime successive misero la quantità di terra spostata a 300.000 tonnellate, alcune delle quali volarono fino alla costa orientale.
Dopo la Black Sunday, Woody Guthrie compose una canzone intitolata “So Long, It’s Been Good to Know Yuh“.
Guthrie scriverà anche altri brani sulla Domenica Nera, tra cui “Dust Storm Disaster.


The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio a tutti voi, ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.