Route 66 answers by Jim Hinckley

Tempo di lettura: 3 minuti


Jim Hinckley è autore di ben 19 libri, già questo potrebbe bastare a far capire l’importanza del personaggio, ma c’è molto di più:
Lavora come consulente per lo sviluppo di tour con un elenco di clienti che include Nissan Canada, Route 66 Tours, City of Cuba, Grand Canyon Caverns, US Bikers e Gilligan’s Route 66 Tours
Sviluppa programmi educativi comunitari su argomenti come storia e turismo, realizza costantemente presentazioni a livello internazionale sulla Route 66; il sud-ovest e l’infanzia dell’industria automobilistica americana.

I suoi libri sono tra i più importanti di tutta la letteratura dedicata alla Mother Road, potete trovarli su Amazon cliccando qui.

Se siete in cerca di una guida che vi accompagni per mano alla scoperta della Route 66, Jim è la persona adatta. Ma anche navigando nel web potete accedere a molte informazioni presenti direttamente nel suo sito web, oltre a questo i suoi canali social sono ricchi di foto e sopratutto di video che Jim realizza durante le sue escursioni.

In questa intervista mi è piaciuta sopratutto una frase:

La Route 66 è piena di sorprese. Prenditi del tempo per parlare con le persone…

 

Ecco qui le risposte di Jim Hinckley:

1. Cosa è per te la Route 66?

La Route 66 ha avuto un ruolo di primo piano in quasi ogni aspetto della mia vita dal 1959 (sì, sono così vecchio).
La mia famiglia ha fatto un viaggio a ovest dalla Virginia all’Arizona nel 1959, in gran parte sulla Route 66. Ci siamo trasferiti in Arizona nel 1966 e abbiamo seguito la Route 66.
Quell’estate mio padre ha acquistato una fattoria sul tracciato pre 1952 della Route 66 vicino al Black Montagne. Ho imparato ad andare in bicicletta su quel tratto di autostrada, e ho imparato anche a guidarci. Ogni anno fino al 1972 abbiamo fatto viaggi di famiglia verso est, la maggior parte sulla Route 66.

Quando ho iniziato a guidare grandi mezzi, la Route 66 veniva sostituita dalla I 40 ma c’erano ancora molte delle vecchie strade rimaste e la mia rotta andava da Kingman all’Oklahoma Città e Wichita. E quando ho iniziato a lavorare nei ranch durante il mio periodo “John Wayne”, si trovavano lungo la Route 66 nell’Arizona occidentale.
Ma nell’era moderna, un periodo di rinascita della Route 66, è stata il nostro portale per lo sviluppo di amicizie internazionali e un catalizzatore per i viaggi internazionali.

2. Se pensi a questa strada quale è la prima cosa che ti viene in mente?

Avventure e avventure con gli amici.

3. Hai un aneddoto curioso legato alla Route 66, una storia che vuoi condividere con noi?

Mi stavo incontrando con un gruppo di turisti dall’Inghilterra. Come è mia abitudine ho chiesto come fosse andato il viaggio, se fosse stato all’altezza delle aspettative e se ci fossero state delusioni.
Mi dissero che avevano sperato di vedere gli indiani. La sera prima che li incontrassi erano rimasti a Gallup, cittadina che ha una numerosa popolazione di Nativi americani. Mi resi conto che stavano avendo aspettative sbagliate.

4. Quale è il tuo luogo preferito lungo la Route 66?

Questo è difficile. Sono di parte perché amo la sezione della Route 66 nelle Black Mountains, tra Kingman e il fiume Colorado, attraverso Oatman.
Alcuni di queste scelte sono personali perché ho bei ricordi d’infanzia. Ma è anche una delle sezioni più belle della Route 66.

Mi piace molto la storia, il paesaggio e i villaggi lungo il tracciato della Route 66 prima del 1937 nel New Mexico. C’è anche una predilezione per la vecchia strada nel Missouri Ozarks.
Mi piace sempre il cibo e quindi ho alcuni posti speciali: Clanton’s Cafe, Vinita, Oklahoma – Heider Baba, Pasadena, California – Wild Hare Cafe, ElkHart, Illinois – Cuba Bakery & Deli, Cuba, Missouri.
Ma i miei posti preferiti sono ovunque io possa condividere l’avventura con gli amici, e a volte non è nemmeno sulla Route 66. Quelle avventure si sono svolte in Michigan, Germania, Paesi Bassi e Repubblica Ceca.

5. Se pensi a un film, a una canzone e a un libro legato alla Route 66, quale ti viene in mente?

Bene, la canzone della Route 66 è la canzone più registrata della storia.
Mi viene in mente anche Grapes of Wrath.

6. Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere un viaggio nella Route 66 da Chicago a Santa Monica?

Chicago a Santo Monica sulla Route 66?
Pianifica ma sii flessibile.
La Route 66 è piena di sorprese. Prenditi del tempo per parlare con le persone, anche se ci sono barriere linguistiche e accetta il fatto che non puoi vedere tutto, ecco perché così tante persone tornano più e più volte.

Qui sotto altre 3 foto di Jim che ringrazio per aver aderito a questo progetto di promozione della Mother Road in Italia “6 questions, 6 answers about Route 66“, mi auguro di incontrarlo presto On the Road e farmi autografare la mia collezione delle sue pubblicazioni.


The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. Nel 2021 è diventato USA AMBASSADOR, specialista of the United States of America, un riconoscimento prezioso di Visit USA Italia. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.