Route 66 answers by Ron Clements

Tempo di lettura: 4 minuti

Ron Clements è nato nel Wisconsin, è un fan dei Green Bay Packers che ha sposato una fan dei Chicago Bears di Peoria, Illinois.
Nonostante la rivalità, Ron e Patti vivono a tempo pieno in un camper da marzo 2018, hanno due figli adulti, RJ e David, e un compagno di viaggio a quattro zampe di nome Maverick. Viaggiano per il paese alla ricerca di nuove avventure e adorano assistere alle partite di baseball e visitare i Parchi Nazionali (come dargli torto).

Nel 2018 sono riusciti a visitare tutti i 30 stadi della MLB e hanno portato il loro camper in ciascuno dei 48 stati inferiori. Ron è un veterano e giornalista da oltre due decenni. Si è laureato con Summa Cum Laude alla East Carolina University, che ha frequentato dopo il suo servizio nel Corpo dei Marines degli Stati Uniti.

Negli anni ha scritto per USA Today, Sporting News, CBS Sports, Pittsburgh Post-Gazette, Omaha World Herald, Philadelphia Inquirer, Fresno Bee, Montgomery Advertiser e molti altri media. Ha coperto un Super Bowl, molte partite della NFL, MLB, NHL e NBA e vari tornei NCAA.

Ron ha scritto un libro molto interessante che unisce la Route 66 allo sport, si tratta della pubblicazione A Sports Fan’s Guide to Route 66 che potete trovare su Amazon, tra le molte interviste presenti nel libro non posso non citarvi quella a LeBron James.

Mi è piaciuto molto questo concetto espresso da Ron Clements durante la nostra chiacchierata:

Alla fine arriverai al cartello “End of the Trail”. Goditi il viaggio.

Ecco qui le sue risposte:

1. Cosa è per te la Route 66?

La Route 66 per me non è solo un’iconica autostrada piena di storia; è una via di mezzo vivente piena di cose da fare e vedere ancora oggi.
Lo sport è una parte enorme di questo ed è per questo che sono rimasto così scioccato dal fatto che nessuno avesse mai collegato lo sport alla Route 66 prima e volevo riempire quel vuoto.

2. Se pensi a questa strada quale è la prima cosa che ti viene in mente?

La prima cosa a cui penso quando si parla della Route 66 è la storia.
Sebbene abbia solo 95 anni, è una parte importante dell’espansione verso ovest negli Stati Uniti ed è diventata rapidamente una strada leggendaria conosciuta in tutto il mondo.

3. Hai un aneddoto curioso legato alla Route 66, una storia che vuoi condividere con noi?

La Marshall Brewing Company di Tulsa avrà sempre un posto speciale per me, per due motivi.
È dove ho incontrato, l’ormai in pensione, direttore della Route 66 Marathon nel 2019, ma anche dove abbiamo incontrato il nostro secondo cane, Goose, nel 2021.
Quando mia moglie Patti ed io abbiamo fatto la Route 66 nel 2019, mentre lavoravamo a A Sports Fan’s Guida alla Route 66, ci siamo fermati a Marshall Brewing solo per prendere delle birre. Abbiamo sentito alcune persone accanto a noi menzionare la Route 66, quindi ho detto loro che stavo lavorando al primo libro di sport in assoluto sulla Route 66.
Una di quelle persone era Tim Drieling e l’ho intervistato per il libro, una delle circa 60 interviste che ho ha fatto, incluso LeBron James.

In quell’occasione Tim mi ha suggerito di firmare due libri a Tulsa e di aiutarli a organizzare gli eventi. Il primo è stato il 13 ottobre alla Marshall Brewing. Il secondo è stato il 20 novembre al Tulsa Expo, lo stesso fine settimana della Route 66 Marathon.
A ottobre, una coppia è entrata alla Marshall Brewing con un cane. Ho chiesto il nome del cane. Quando hanno detto che si chiamava Goose, ho detto: “Assolutamente no, noi abbiamo Maverick“. Se hai visto il film Top Gun, sai di cosa sto parlando.

Dopo che ho detto loro che avevamo già Maverick, la donna mi ha detto che lei e suo marito stavano cercando un affidamento per Goose e che era disponibile per l’adozione. Ho detto: “Mi stai prendendo in giro“.

Ci sentivamo come se l’universo ci stesse parlando, quindi dopo un paio di incontri tra Maverick e Goose, abbiamo formalmente adottato Goose il 3 novembre.

4. Quale è il tuo luogo preferito lungo la Route 66?

Non so di averne uno preferito, ma amerò sempre St. Louis perché ci vivevo, ho incontrato qui mia moglie e qui mi sono sposato.
Altre città preferite lungo la Mother Road sono Pontiac, Springfield, Mo., Tulsa, Amarillo, Tucumcari, Santa Fe, Albuquerque, Flagstaff e Rancho Cucamonga.
Adoro il modo in cui ognuna di queste città ha abbracciato il proprio posto lungo la Route 66 e sono ricche di storia che va ben oltre la Route 66 stessa, in particolare Albuquerque e Santa Fe.

5. Se pensi a un film, a una canzone e a un libro legato alla Route 66, quale ti viene in mente?

Adoro Chuck Berry e penso a “No Particular Place To Go”, quando penso alla Route 66 e allo spot di Berry lungo la Route 66 come nativo di St. Louis.
Quella canzone incarna anche il modo in cui molti percorrono la Route 66 – semplicemente piacevole e facile; una specie di “Ci arriveremo quando ci arriveremo“.
Per quanto riguarda un libro o un film, penso che il punto di riferimento sia sempre Grapes of Wrath.

6. Che consiglio daresti a chi vuole intraprendere un viaggio nella Route 66 da Chicago a Santa Monica?

Prenditi il ​​tuo tempo. Se pensi di voler percorrere tutta la Route 66 in una settimana, trova un modo per prenderti due settimane.
Se hai due settimane, allungale a un mese.
Se non riesci a prenderti così tanto tempo libero dal lavoro, non affrettarti per tutte le 2.448 miglia, scegli una parte della Route 66 e assapora il viaggio. Ricorda, il viaggio è la destinazione. Alla fine arriverai al cartello “End of the Trail”. Goditi il viaggio.

Qui sotto altre 3 foto di Ron che ringrazio per aver aderito a questo progetto di promozione della Mother Road in Italia “6 questions, 6 answers about Route 66“, mi auguro di incontrarlo presto On the Road e scambiarci le copie dei nostri libri.
A tal proposito vi invito a valutare con attenzione la sua pubblicazione, davvero ben realizzata e ben scritta.


 

The following two tabs change content below.
ROBERTO ROSSI (Arezzo 1971) si diploma in elettronica nel 1990, ma fin da subito manifesta il suo interesse per la fotografia ed i viaggi, anche grazie al papà fotografo ed a tanti amici viaggiatori. "Ricordo ancora quando da piccolo mi recavo nell'agenzia viaggi del mio paese a prendere le brochure appena arrivate, mi bastava aprirne una per iniziare a viaggiare con la mente. Poi per fortuna all'eta di 16 anni il mio primo viaggi in Marocco, da li un susseguirsi di emozioni ed avventure in tutto il mondo." Roberto ha sempre dimostrato un'attrazione particolare per gli USA, nazione che conosce profondamente, dalle grandi città dell'est, una su tutte New York City, ai grandi parchi dell'Ovest, non ultima la strada che lo ha cambiato per sempre, la Route 66, per la quale pubblica la sua prima opera "Route 66 il mito Americano" - edizioni Amazon, nel 2017. Artista, viaggiatore, motociclista, tutte passioni che esprime nel suo blog Vegani in Viaggio e nelle pubblicazioni ricche di foto e curiosità, ma sempre essenziali ed estremamente efficaci, niente di superfluo, tutto pensato per aiutare il viaggiatore. Vegano da molti anni, amante della Natura e degli animali, ha un amore particolare per i gatti con cui condivide da sempre la sua vita. Nel 2021 è diventato USA AMBASSADOR, specialista of the United States of America, un riconoscimento prezioso di Visit USA Italia. La passione per la fotografia, i viaggi e la grafica (sua principale attività), regalano un mix sempre attento e funzionale in ogni opera realizzata, Roberto ama chiudere spesso i suoi racconti scritti o narrati con una frase che esprime tutta la sua passione per la vita e le avventure in giro per il mondo: "Buon viaggio ovunque la vita vi porti!"

Ultimi post di Roberto Rossi (vedi tutti)

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.