Tempo di lettura: 2 minuti

Al museo etnografico di Nuoro, l’artista Giuseppe Carta, espone le sue opere “fruttariane”.

Giuseppe Carta è autore di grandi sculture dedicate alla frutta, ne ha realizzate alcune per il teatro del silenzio di Andrea Bocelli, le tenute di Oscar Farinetti, un mega peperoncino all’ingresso di FICO a Bologna, e alcune per la Biennale di Venezia. Altre sue creazioni sono esposte addirittura nella lontana Cina.

A Nuoro l’artista Giuseppe Carta ha installato ben 180 opere dedicate al premio Nobel Grazia Deledda, una delle più abili narratrici della natura e alle germinazioni, ovvero al processo naturale incessante che da vita ai frutti che tanto amiamo.
L’itinerario espositivo è sviluppato sia all’interno che all’esterno; il museo s’ispira ad un villaggio tipico sardo con le sue strade e piazze, dove si incontrano peperoncini, limoni, fragole, grappoli d’uva, cipolle, olive e tanti altri frutti della terra in versione gigante!

L’esposizione è un inno stesso alla natura e un grido di denuncia allo sfruttamento incontrollato del pianeta Terra.

L’artista, cresciuto in una famiglia contadina, conosce bene i ritmi della natura dove è tornato dopo la formazione e la maturità professionale a Genova:
“Le mie Germinazioni sono una  rappresentazione esuberante della vita stessa, un inno alla natura, una denuncia allo sfruttamento incontrollato del pianeta Terra – sottolinea l’artista Giuseppe Carta -.  Ho deciso di dedicare le Germinazioni a Grazia Deledda per rendere un duplice omaggio: a una grandissima artista, unico Premio Nobel femminile per la Letteratura in Italia, e alla Terra che l’ha generata”.

La mostra ospitata al museo etnografico di Nuoro resterà aperta fino al 27 ottobre, se capitate a Nuoro e riuscite visitare la mostra, mandateci le vostre foto della frutta gigante, le pubblicheremo sulla nostra pagina Facebook.

Potrebbe piacerti anche...

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

%d
Vegani in Viaggio

GRATIS
VISUALIZZA