Pizza proteica vegana

In questi giorni abbiamo avuto modo di provare la Pizza Vegan Proteica di foodspring, marchio molto conosciuto che vende prodotti sia vegan che no, pensati sopratutto per chi ha una vita sportiva e vuole seguire una dieta ricca di proteine.
Abbiamo acquistato più volte prodotti di questa marca che vende online come fanno altre simili società, quindi si tratta di un sistema di acquisto affidabile e consolidato, il pacco in pochi giorni arriva a casa e i prodotti sono pronti all’uso.

Iniziamo col dire che i valori nutrizionali di questa pizza proteica vegan sono ottimi come possiamo vedere dalla foto del retro della confezione, tante proteine e fibre, pochi carboidrati e pochissimi zuccheri, quindi sulla carta un’ottima soluzione per mangiare una pizza fatta in casa.

Nel nostro caso abbiamo abbinato la pizza con un formaggio vegan di ottima qualità e sapore che usiamo spesso anche in altre ricette e che garantisce una sensazione di mozzarella davvero notevole; lo si trova in molti negozi e supermercati

Veniamo alla preparazione; come indicato nel sito foodspring, i passaggi da fare sono pochi e almeno sulla carta semplici, ma ci sono alcune considerazioni da fare che spiegherò durante il processo di preparazione:

  1. Preriscaldare il forno a 200°o 180° se ventilato.
  2. Mescolare 100g di preparato con 100ml di acqua tiepida, noi lo abbiamo fatto con 150g e 150ml per avere una pizza più grande, quella che vedete in foto è stata fatta con 300g e 300ml e l’abbiamo mangia in 2 persone.
  3. Impastare bene e lasciare riposare per 10 minuti, qui la prima difficoltà da segnalare, ovvero impastare il prodotto che si attacca da tutte le parti non è semplice, richiede un po’ di tempo in più rispetto alle normali farine, ma niente di impossibile.
  4. Mettete un po’ di farina sul piano di lavoro e spianare il composto fino a darle la forma della pizza, spianare bene l’impasto non è facile perché tende a rompersi, quindi lavoratelo bene anche in fase di impasto per evitare difficoltà in questa fase.
  5. Cuocere la pizza senza ingredienti per 15/20 minuti.
  6. Toglierla dal forno e farcirla a piacere, noi abbiamo usato verdure grigliate e mozzarella vegan.
  7. Rimettere la pizza in forno per altri 10 minuti, vi consiglio però di verificarne la cottura, noi la prima volta abbiamo avuto problemi ed è andata a finire che l’abbiamo lasciata per ben 20 invece dei 10 consigliati, ma al secondo tentativo è filato tutto liscio con i tempi indicati, quindi fate una verifica durante la cottura.
  8. Toglietela dal forno aggiunge eventualmente altre verdure fresche e lasciatela raffreddare un po’.

Veniamo quindi alle conclusioni; la pizza al sapore è ottima, ma nel primo tentativo, anche se abbiamo allungato i tempi di cottura perché una vota tolta dal forno era ancora molle, si è presentata poco cotta all’interno, quindi a logica andrebbero aumentati ancora di più i tempi di cottura sopratutto nella prima fase per evitare poi di bruciare gli ingredienti aggiunti sopra.
Le dimensioni che abbiamo raggiunto aumentando le dosi erano corrette.
Per finire una digeribilità difficile nel primo tentativo ha influenzato il nostro giudizio oltre alle difficoltà di spianarla e di cuocerla bene; l’impasto contiene molte fibre e avendo aumentato le dosi per avere una pizza di dimensioni normali abbiamo probabilmente favorito la comparsa di difficoltà digestive, cosa che però non si è manifestata al secondo tentativo.

Il nostro giudizio resta positivo, dopo averla provata per ben due volte. Un prodotto ottimo e semplice da preparare che offre la possibilità di gustare una buona pizza dal sapore convincente e dai valori nutrizionali interessanti, alcuni problemi di preparazione e di digeribilità al primo tentativo, ma nessuna difficoltà al secondo test.

Rispondi

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.